BOLLETTE A 28 GIORNI? LA FINANZA NELLE SEDI DEI BIG TELEFONICI: IL BRUTTO SOSPETTO

Il Nucleo speciale antitrust della Guardia di finanza sta eseguendo una serie di ispezioni nelle sedi dei principali operatori di telefonia fissa e mobile.

A quanto si apprende, l’attività – su input dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato – sarebbe legata al caso della fatturazione delle bollette mensili.

È una “ottima notizia” che il Nucleo speciale antitrust della Guardia di finanza stia svolgendo un’attività ispettiva presso i principali operatori di telefonia fissa e mobile per possibili intese restrittive della concorrenza collegati alla fatturazione mensile delle bollette. È quanto afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.

“Abbiamo presentato ormai decine di esposti tra Antitrust e Autorità delle comunicazioni sulla questione delle bollette a 28 giorni. Non è pensabile che tutte, o quasi, stiano magicamente aumentando le tariffe, guarda caso, dell’8,6%” sottolinea Dona.

“È ora, poi, che finalmente si rimborsino gli utenti e che le compagnie stornino quanto hanno indebitamente incassato a partire dal 23 giugno 2017” conclude Dona.

Fonte: qui